NEWSLETTER
Con l'iscrizione sarete informati sulle attività del Laboratorio, le nuove iniziative editoriali e riceverete gli inviti alle mostre della Galleria.
Stagione 2017/2018
Di seguito trovate il calendario delle mostre della stagione 2017/2018. E' possibile scaricare il volantino della nuova stagione direttamente dal seguente link.

  Scarica il PDF "Stagione 2017/2018"

MOSTRA MIMMO PALADINO

MIMMO PALADINO - Don Chisciotte

9 settembre/14 ottobre 2017

Ventuno incisioni all’acquaforte e acquatinta, quattordici incisioni all’acquaforte, acquatinta e collage, sette acqueforti, tre collage e quindici impressioni tipografiche di Mimmo Paladino unitamente a quattordici composizioni poetiche di Giuseppe Conte compongono il libro d’artista “Don Chisciotte”. Queste le caratteristiche principali che rendono unica questa opera d’arte, realizzata dal maestro nel 2005, in occasione del quarto centenario della pubblicazione dello storico romanzo di Miguel de Cervantes. L’edizione viene oggi considerata come il più importante libro d’artista di Paladino ma altresì annoverata tra i più significativi esiti, in questo settore, nel panorama moderno e contemporaneo. Il Laboratorio d’Arte Grafica di Modena ha realizzato la stampa delle 45 opere calcografiche, ha curato la stampa tipografica realizzata con caratteri mobili e composto il progetto grafico dell’opera per Editalia.
MOSTRA SILVIA GUBERTI

SILVIA GUBERTI - A proposito di tutto e di qualcosa d’altro

4/25 novembre 2017

Silvia Guberti è nata a Modena nel 1944. La sua attività si svolge da sempre per nuclei di ricerca, in ognuno dei quali si attivano tecniche differenti ed originali, in quanto sono loro a suggerire temi, forme, esiti e non viceversa. Nel caso della mostra presso la galleria “Arte su carte” Guberti espone il nucleo più recente di lavori, catalizzato su sedici anni di pratica “shodo” (arte della calligrafia). Opere uniche, inusuali per la galleria che ha, da sempre, focalizzato la propria attenzione all’opera grafica ma che, da ora, intende assumere una nuova presenza pur mantenendo un profondo rapporto con il Laboratorio; ne è testimonianza l’edizione “AB OVO”, raffinato libro d’artista realizzato in occasione della mostra che raccoglie tre incisioni originali in rilievo di Silvia Guberti. Le opere sono state realizzate con le tecniche della ceramolle, del carborundum, impressioni e secco e doratura. L’edizione è stata realizzata in venti esemplari per Roberto Gatti Editore.
MOSTRA LABORATORIO D’ARTE GRAFICA DI MODENA

LABORATORIO D’ARTE GRAFICA DI MODENA 1989/1999

9 dicembre 2017/5 gennaio 2018

Lo scorso anno la consueta mostra collettiva del periodo natalizio è stata sostituita con la presentazione di opere a stampa prodotte dal Laboratorio dalla sua fondazione, nel 1979 al 1989; prosegue quest’anno il progetto che vuole ripercorrere, attraverso le proprie realizzazioni, il lavoro della stamperia che nel 2019 giungerà al quarantesimo anno. Quest’anno sarà presentata una ricca selezione di opere realizzate dal 1989 al 1999. Il periodo preso in esame in questa occasione è stato per il Laboratorio un momento di grande crescita e interesse da parte di tanti; in quegli anni la stamperia si è dotata di una nuova sede, un nuovo marchio e una nuova denominazione, Laboratorio d’Arte Grafica di Modena. Nuovi artisti hanno intessuto collaborazioni con la stamperia, alcuni di loro: Giuliano Della Casa, Wainer Vaccari, Franco Guerzoni, Luca Leonelli, Davide Benati, Raffaele Biolchini, Andreina Bertelli. Una sempre maggiore professionalità ha permesso di realizzare opere di rilievo e in particolare, da ricordare l’edizione di un nuovo Evangeliario, voluto dall’allora Vescovo di Modena Benito Cocchi e edito da Franco Cosimo Panini e al quale diedero la propria opera 35 artisti.
MOSTRA FRANCISCO GOYA

FRANCISCO GOYA - I Capricci

20 gennaio/17 febbraio 2018

“L’autore convinto che la censura dei vizi umani può essere il soggetto della pittura così come lo è dell’eloquenza e della poesia, ha scelto per il suo lavoro i temi ispirati dall’infinito numero di follie e dei misfatti così comuni nella società degli uomini…”. Queste parole facevano parte della presentazione alla prima edizione de “I Capricci” di Francisco Goya pubblicata sul “Diario di Madrid” del 6 febbraio 1799. Francisco Goya (1746/1828) realizzò durante la sua vita 261 opere grafiche tra incisioni e litografie. Tra queste le 80 lastre de “I Capricci” che furono edite, tratte dai rami originali, in 12 edizioni, dal 6 febbraio 1799, giorno di presentazione della prima edizione avvenuta in un negozio di profumi e liquori a Madrid, all’ultima datata 1937. Goya, all’epoca della prima pubblicazione, aveva 53 anni, pittore di corte a Madrid e stimatissimo ritrattista. Nell’opera, che lo impegnò dal 1797 alla metà dell’anno successivo, Goya utilizzò le tecniche calcografiche a quei tempi conosciute: acquaforte, bulino, puntasecca e acquatinta.
MOSTRA WILLIAM XERRA

WILLIAM XERRA - Assenza di vuoto

3/31 marzo 2018

“…L’opera, per William Xerra, diventa un luogo di concentrazione e di silenzio che si contrappone all’ingombro e alla ridondanza della comunicazione di massa: al pieno subentra il vuoto, non come assenza ma come nucleo germinale della “pòiesis”. Di qui, alcune delle “figure” tipiche del lavoro di Xerra, quali lo specchio, l’apparizione di frammenti di immagini e di segni alfabetici, che sembrano apparire e sparire nello stesso tempo, la cronaca che inquadra il vuoto...” (Filiberto Menna, 1988) La mostra di William Xerra è composta da una decina di grandi opere su carta, realizzate al Laboratorio con la collaborazione di Roberto Gatti. L’idea che sottende a questo lavoro è quella di offrire la stamperia all’artista, non soltanto come luogo di elaborazione di un progetto grafico ma con possibilità espressive più ampie; il bagaglio di esperienze e sapienze del Laboratorio, materiali, attrezzature, tutto al servizio dell’artista che può utilizzarle ma, nella piena libertà, scegliere di lavorare con qualsiasi altra tecnica.
Vai al  Laboratorio